Fausto Rapinesi 19.03.2008

Project Details

Categories:

…non si tratta di oggetti dedicati al sacro, ma di oggetti sacrali in sé dedicati alla glorificazione dell’uomo, segnati dalla soggezione verso la bellezza nelle sue molteplici forme. Il credo di questo artista è un credo laico, dato dalla stessa volontà di riconferire valore estetico e significato con la realizzazione di creazioni nate dalla collezione di tesori “trovati”, di cose dimenticate, non più utili o utilizzate.

E così, in una sorta di pellegrinaggio eterno, Fausto Rapinesi cerca e trova posate d’argento o di metalli meno nobili, lamine metalliche, pissidi, cornici, a cui conferisce nuove forme, nuova vita e nuova luce.

L’abbandono in cui versano questi oggetti, la loro non-utilità paradossale, data non tanto dal venir meno della loro specifica funzione, quanto da un’assenza di dialogo con un potenziale proprietario o fruitore, è condizione necessaria per la loro trasformazione da parte dell’artista.

Punto di partenza di Fausto Rapinesi sono infatti gli oggetti, sono loro a suggerire le nuove forme in cui essi possono incarnarsi, con una metamorfosi della forma, ed è così che ha inizio il vero e proprio percorso creativo.

I materiali diventano altro da sé, vengono rivisitati e trasformati con tecniche che presuppongono una altissima competenza e un dialogo sensibile con i materiali.

Lucidando, incidendo, saldando, trattando con resine il legno, l’argento, l’ottone, vengono così alla luce le creazioni di Fausto Rapinesi, vero demiurgo in questo campo.

Non si deve pensare che l’utilizzo di suppellettili sacre sia segno di una loro profanazione o profanizzazione. Queste creazioni sono dedicate all’uomo, in una sorta di religiosità laica che dell’uomo ha grande rispetto, che dà alla vita terrena un altissimo valore. Dio è nell’uomo e non solo al di fuori.

Gli oggetti elaborati da Fausto Rapinesi richiamano sempre la bellezza e danno al senso estetico un fortissimo risalto. Sono tutti oggetti legati ad un “cerimoniale” della vita, come specchiarsi, illuminare, esporre, adornarsi; momenti, questi, che chiedono del tempo per esistere, che non possono acquistare vita negli istanti frenetici ed egoisti del quotidiano.

Le cornici e le luci danno colore alla casa, la predispongono all’accoglienza di amici e ospiti, ne mettono in risalto l’anima; i vassoi, vuoti o eventualmente riempiti, sono una ostensione laica di un’offerta a chi ci visita, i gioielli fanno parte del rispetto e della cura che abbiamo per noi stessi.

Nessuna di queste creazioni assomiglia ad un’altra, tutte raccontano una loro storia, la storia degli oggetti che le compongono – quietati in una superba unità – del dialogo tra l’artista e la materia, del loro offrirsi con un’aura sacrale allo sguardo dello spettatore, catturandone l’anima.

Giovanna Brambilla

Inaugurazione: Mercoledi 19 Marzo 2008 ore 19:00

Contatti

La Porta Blu, Associazione Culturale ONLUS

Dove siamo

Invia un messaggio

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio